Bad Literature Inc.

E' Vero. E' giornalismo. E' Gonzo, bellezza.

La storia di Flat Eric, il pupazzo giallo che ha fatto impazzire una generazione

Eccomi lì, sfatto sul mio lato del letto come un budino abbandonato al sole nell’ora più calda, intento a rigenerare ogni molecola del mio corpo in seguito ad un intenso e poderoso orgasmo estivo. Accanto a me la Dani California del momento si alza dal letto con quello che, in quella situazione, mi sembra essere un grande gesto atletico per dirigersi in direzione del cesso. Mentre torno lentamente ad avere la percezione della realtà che mi circonda mi guardo attorno e mi rendo conto di essere nella stanza di una ragazza. La mia mente va a ritroso nell’incasinato gomitolo dei miei ricordi, riuscendo a ricordare tutto (o buona parte) della situazione: la ragazza si presenta, accompagnata da un fastidioso beep che copre il suono del suo nome. Tra una chiacchiera e l’altra beviamo qualcosa per poi lasciare il locale che (forse) non stava offrendo nulla di interessante a parte l’alcol che avevo in corpo. Andiamo da lei, ascoltiamo qualche vinile e scopriamo di avere parecchie cose in comune che festeggiamo con un infuocata scopata celebrativa. E mentre sono li con i miei dubbi e i miei pensieri eccolo che mi fissa dalla mensola: un pupazzo giallo con gli occhi piccoli e neri e l’espressione di chi era abituato ad assistere alle prodezze sessuali della padrona di casa . Fisso quel pupazzo dal pelo tutto giallo in modo insistente. Non mi era affatto nuovo? Ma dove lo avevo già visto? Poi il mio mezzo neurone ha fatto contatto: ma certo, era quel bastardo di Flat Eric!

Flat Eirc è stato uno dei pupazzi più famosi dei primi anni Duemila, grazie al video che accompagna il brano Flat Beat di Mr. Oizo e per una serie di spot cult della Levi’s

Flat Eric è un pupazzo realizzato dalla Jim Henson’s Creature Shop, lo studio di effetti speciali e visivi fondato dal creatore dei Muppets Jim Henson, il quale ha apportato rivoluzionarie migliorie nel modo di fare e di intendere il mestiere del burattinaio. Il nome di Flat Eric significa Eric il piatto ed è da ricondursi ad una idea (poi non realizzata) per una pubblicità che prevedeva che una macchina passasse sulla sua testa schiacciandola e dando origine all’orecchiabile nome del personaggio. Flat Eric venne impiegato poi in una serie di famosi spot della Levi’s dove gira l’America a bordo di una vecchia auto in compagnia del suo amico umano Angel, in fuga dalla legge e ascoltando la canzone Flat Beat del dj e regista francese Quentin Dupieux, in arte Mr. Oizo. E’ stato infatti proprio il film maker e musicista francese a utilizzare per primo il pupazzo giallo in alcuni video che hanno accompagnato la pubblicazione di alcuni suoi brani. Il successo di Flat beat ebbe modo di attirare l’attenzione del noto marchio di jeans, il quale gli commissionò una serie di spot per promuovere le sue camicie e i suoi pantaloni dalla piega permanente.

Il successo del personaggio di Flat Eric è tale da comparire sulle copertine di riviste di spettacolo e di musica quali Heat, Arena, Cosmopolitan, Melody Maker, NME, Muzik e Rolling Stone.

In Italia ci fu una vera e propria ossessione nei confronti di Flat Eric: compariva nel video di Mr. Oizo che era mandato in onda in rotazione massiva su Mtv e lo si vedeva in televisione in questi spot della Levi’s. I ragazzi più grandi facevano letteralmente a gara per potersi aggiudicare il pupazzo di Flat Eric o poter comprare una maglietta con sopra il volto dai vitrei occhi vacui del pupazzo. Era un periodo dove il marchio americano di abbigliamento sfornava delle innovative ed interessanti campagne pubblicitarie diventate negli anni dei veri e propri cult della pubblicità (vi ricordate dello spot con la colonna sonora di Mr. Boombastic di Shaggy?)

Immagine raffigurante Flat Eric

Flat Eric non parla e dalla sua bocca escono dei suoni simili a quelli campionati da un sintetizzatore. La mimica è il suo grande punto di forza e il volto con due pupille nere e la bocca spalancata sono diventati il suo tratto distintivo. Mr. Oizo, il quale ha voluto fortemente Flat Eric dalla stessa azienda del creatore dei Muppets che guardava da piccolo, detiene i diritti di immagine del personaggio che ha utilizzato ancora nel corso degli anni sulle copertine dei suoi dischi o nei video dei suoi brani. Nel corso degli anni l’impatto di Flat Eric nella cultura di massa (o almeno su quella della mia generazione) è stata tale da comparire in alcuni episodi della prima serie della serie tv britannica The Office e in uno spot con l’attore americano David Soul ( il Ken “Hutch” Hutchinson della celebre serie tv poliziesca Starsky & Hutch). Rimane il fatto che il brano e il video di Flat Beat di Mr. Oizo e gli spot della Levi’s hanno permesso a Flat Eric di diventare uno dei pupazzi più famosi ed apprezzati del nuovo millennio, anche a distanza di anni del suo enorme successo. Perché, in fondo, quando guardiamo quel pupazzo giallo ritorniamo tutti un pò adolescenti.

Hank Cignatta

Spot 1
Spot 2
Spot 3
Spot 4
Spot 5

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: