Gonzify Yourself!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato/a sul nostro folle mondo.

    Bad Literature Inc

    Usyk vs Joshua: può essere questa la tempesta perfetta che la boxe stava aspettando?

    Spread the love

    Londra chiama e la grande boxe risponde. Ed era anche ora, in tempi in cui la Nobile Arte vive la più grande crisi di identità e di valori della sua storia. Sul prestigioso ring allestito presso il Tottenham Hotspurs Stadium, generalmente casa delle partite di calcio dell’omonima e blasonata squadra calcistica, lo scorso sabato il pugile ucraino Oleksandr Usyk ha incrociato i guantoni con l’idolo di casa Anthony Joshua. Lo sfidante ucraino è riuscito in una storica impresa, una delle tante di cui pullula la storia del pugilato ma della quale c’era un dannatissimo bisogno. Usyk batte Joshua in casa sua, gelando l’entusiasmo dei sessantaduemila spettatori presenti all’evento e detronizzando il campione che ancora non era riuscito a trovare sulla sua strada quell’avversario in grado di dargli una lezione di pura classe pugilistica. Lasciati da parte i gusti personali, evitatando la mentalità da retaggio calcistico non si può non ammettere che Usyk è riuscito a dominare Joshua per dodici round ai punti e per verdetto unanime.

    Joshua subisce uno degli attacchi portati da Usyk

    Dopo i primi round di canonico studio tra i due contendenti, Usyk ha preso le misure dell’iridato beniamino di casa, riuscendo a prendere il largo sull’avversario e ad imporsi grazie ad uno stile incalzante, dove il suo sinistro dinamitardo ha dettato il ritmo dell’incontro. Menzione particolare anche per la difesa dell’ucraino, capace di rendere inoffensivi i tentativi di Joshua di metterlo seriamente in difficoltà. Sublime l’ultima frazione del match a ridosso del dodicesimo e ultimo round, dove Usyk ha sfoderato un colpo che ha rischiato di far vedere le stelle all’Ercolino inglese, salvato dalla campana da un KO che pareva certo.

    Altro fotogramma tratto dal match tra Joshua e Usyk

    Joshua esce parecchio ridimensionato da un match che lo dava come favorito e che ha dato merito alla classe di Usyk, il quale riesce a diventare campione del mondo dei massimi WBA, WBO, IBF e IBO grazie ad una boxe granitica e non impacciata come da tempo non si vedeva nella categoria. La rivincita tra Usyk e Joshua è già fissata, come previsto da contratto, anche se tanta rimane l’amarezza nel non poter vedere Joshua incrociare finalmente i guantoni contro Tyson Fury, il vero campione delle folle d’Oltremanica, il quale tra due settimane affronterà Deontay Wilder in un match valido per il titolo mondiale WBC. Resta il fatto che è di queste cose che la boxe ha bisogno per cercare di non implodere e scomparire sotto il peso dei suoi problemi. Tutto il resto sono solo cazzate buone per vendere biglietti ad un pubblico che non sa cosa sta guardando.

    Hank Cignatta

    ® Riproduzione riservata

    p

    Sono la mente insana che sta alla base di Bad Literature Inc. Giornalista pubblicista, Gonzo nell’animo, speaker radiofonico, peccatore professionista, casinista come pochi. Infesto il web con i miei articoli che sono dei punti di vista ( e in quanto tali condivisibili o meno) e ho una particolare predisposizione a dileggiare la normalità. Se volete saperne di più su di me e su Bad Literature Inc. e volete proprio farvi del male, leggete i miei articoli. Ma poi non dite che non siete stati avvertiti.

    Post a Comment

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Bad Literature Inc.
    T. 01118836767
    M. 377 3794897
    M. 334 3372700
    redazione@badliteratureinc.com
    redazioneuppercut@yahoo.it
    alancomoretto@virgilio.it
    Designed and Developed by Stile Sale