Gonzify Yourself!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato/a sul nostro folle mondo.

    Bad Literature Inc

    Editoriale Gonzo: Il buio Natale di Nevrotic Town

    Spread the love

    Le vetrine addobbate e le vie illuminate a festa stridono con l’umore di Nevrotic Town (o Torino, se siete appassionati di egittologia) degli ultimi tre giorni. La tragedia del crollo della gru avvenuto sabato mattina nel capoluogo piemontese, costato la vita a tre operai e il ferimento di tre passanti, sta tenendo banco nella cronaca nazionale e lo farà ancora per diverso tempo.

    Il crollo della gru avvenuto sabato mattina in via Genova a Torino, nel popoloso quartiere Lingotto. Crediti foto: Mole24.it

    Uno schianto che ha squarciato la tranquillità natalizia di una città che, con la sua flemma sabauda, si sta preparando a vivere anche quest’anno le festività natalizie con numerose incognite, una su tutte il dilagare dei contagi della variante Omicron del Covid 19. Uno schianto che ha spezzato la vita di tre persone che stavano facendo il loro lavoro. La tragedia nella tragedia è la scomparsa, a soli vent’anni, dell’operaio più giovane delle vittime coinvolte in questo assurdo incidente. Nelle ore immediatamente successive alla tragedia le istituzioni si sono date un gran daffare a rilasciare dichiarazioni roboanti, che hanno il medesimo tono di tutte le altre tragedie che, ahimè, continuano a costare un assurdo tributo di vite umane.

    Nella foto sulla sinistra, il nuovo sindaco di Torino Stefano Lo Russo accorso sul luogo della tragedia

    Ogni parola, detta o scritta (comprese queste poche righe) lasciano davvero il tempo che trovano in una situazione come questa. Nevrotic Town (o Torino) ha uno spirito molto forte, con il quale è riuscita ad uscire da numerose tragedie che l’anno colpita: dalla terribile scomparsa del Grande Torino all’incendio del Cinema Statuto (costato la vita a sessantaquattro persone e in grado di cambiare definitivamente le regole sulla sicurezza dei cinema italiani) fino al rogo della Thyssenkrupp e alla tragedia di sabato avvenuta in via Genova, nel popoloso quartiere Lingotto. Sarà quindi un Natale decisamente più buio, qui a Nevrotic Town, dove nella data dei funerali dei tre operai morti nell’incidente verrà proclamato il lutto cittadino. Una città che si stringe al dolore di tre famiglie che non avranno più modo di stare con i loro cari, affinché non vi siano più tributi di vite umane sui luoghi di lavori. Almeno fino al prossimo incidente e alle prossime vittime, italicamente parlando (ma, soprattutto) pensando.

    Hank Cignatta

    ® Riproduzione riservata

    p

    Sono la mente insana che sta alla base di Bad Literature Inc. Giornalista pubblicista, Gonzo nell’animo, speaker radiofonico, peccatore professionista, casinista come pochi. Infesto il web con i miei articoli che sono dei punti di vista ( e in quanto tali condivisibili o meno) e ho una particolare predisposizione a dileggiare la normalità. Se volete saperne di più su di me e su Bad Literature Inc. e volete proprio farvi del male, leggete i miei articoli. Ma poi non dite che non siete stati avvertiti.

    Post a Comment

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Bad Literature Inc.
    T. 01118836767
    M. 377 3794897
    M. 334 3372700
    redazione@badliteratureinc.com
    redazioneuppercut@yahoo.it
    alancomoretto@virgilio.it
    designed and developed by Stile Sale