Gonzify Yourself!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato/a sul nostro folle mondo.

    Bad Literature Inc

    Editoriale Gonzo: Arvëdse Angelo Piovano, la tua Torino ti saluta

    Spread the love

    Giornata grigia in quel di Nevrotic Town (o Torino, se preferite), dove una grande distesa di nuvole grigie e cariche di incazzature, paure e dubbi scarica il suo muro d’acqua su una città sempre di fretta intenta a tirare dritta per la sua quotidianità. Una città leggermente più grigia rispetto al solito, in seguito alla scomparsa di Angelo Piovano, avvenuta la scorsa settimana all’età di ottantacinque anni. Molto probabilmente (anzi, molto sicuramente) a molti questo nome non dirà nulla ma per anni Angelo Piovano è stato l’uomo più tatuato d’Italia, aggiudicandosi per tale motivo l’ingresso nel Guinness World Record, nonché l’uomo over 65 con più inchiostro al mondo.

    Angelo Piovano

    Per chi non conoscesse Nevrotic Town (o Torino, per chi non sa a che cosa mi stia riferendo) è una città molto più piccola di quello che possa sembrare. Si incontrano per caso persone che mai avresti pensato di vedere in un determinato posto e ci si ritrova, bene o male, tutti negli stessi luoghi. Angelo Piovano era diventato un personaggio caratteristico di Torino, dove lo si poteva incontrare spesso quando non era in giro per il mondo ospite di convention di tatuaggi. La sua storia è molto particolare, quasi quanto il suo aspetto: dopo una vita passata a lavorare come operaio alla Pirelli, ha impiegato i soldi della sua liquidazione per cambiare quella vita e quell’aspetto che lo aveva sempre visto fare le solite cose. Ha iniziato a ricoprire la sua pelle d’inchiostro trent’anni fa con un tatuaggio che celebrava la sua cagnolina alla quale era tanto legato e da allora non ha più smesso. Ha esplorato e superato i limiti del suo corpo, diventando una tela vivente ed andando oltre quei pregiudizi fastidiosi con i quali si combatte quotidianamente. Figuratevi un’anima particolare e diversa come la sua.

    Con il tempo Piovano è diventato un simbolo di quella Torino che ha amato fino alla fine, un po’ come i Gianduiotti, il Bicerin e i Subsonica. Con lui se ne va l’ultimo baluardo di quell’anticonformismo sincero, atto a vivere una vita secondo le proprie regole a discapito dei recinti mentali e culturali che il più delle volte soffocano come i peggiori dei cappi. Arvëdse (arrivederci in piemontese) Angelo, la tua Torino ti saluta.

    Hank Cignatta

    © Riproduzione riservata

    p

    Sono la mente insana che sta alla base di Bad Literature Inc. Giornalista pubblicista, Gonzo nell’animo, speaker radiofonico, peccatore professionista, casinista come pochi. Infesto il web con i miei articoli che sono dei punti di vista ( e in quanto tali condivisibili o meno) e ho una particolare predisposizione a dileggiare la normalità. Se volete saperne di più su di me e su Bad Literature Inc. e volete proprio farvi del male, leggete i miei articoli. Ma poi non dite che non siete stati avvertiti.

    Post a Comment

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Bad Literature Inc.
    T. 01118836767
    M. 377 3794897
    M. 334 3372700
    redazione@badliteratureinc.com
    redazioneuppercut@yahoo.it
    alancomoretto@virgilio.it
    designed and developed by Stile Sale