Bad Literature Inc.

E' vero. E' giornalismo. E' Gonzo, bellezza.

Stoccolma e la grande gara di biglie

Cari smandrappati che leggete Bad Literature Inc. oggi vi scrivo dalla spiaggia.
Sono arrivato questa mattina.

Sono venuto giù direttamente da Stoccolma e son passato dai 13 gradi ai 32 della Liguria ( non vi dico dove sono, perché poi venite qui anche voi a rompermi i coglioni e ho già i miei vicini di ombrellone che ce la stanno mettendo tutta).
Adesso é arrivato un tipo col megafono e si é messo a gridare ” Tra pochi minuti inizierà la grande gara di biglie “. Mi alzo di scatto e corro là.
Che delusione!
Avevo capito gara di birre.

Quand’ero bambino mi divertivo a giocare con le biglie, quelle di plastica con le figure dei ciclisti dei miei tempi. C’era anche Gimondi. Ciao Felice r.i.p.

Ma volevo farvi anche due parole su Stoccolma.
Non l’ avevo mai vista; sono partito un po’ scettico, curioso, ma scettico.
Mi avevano detto che il whiskey te lo vendono a centilitri ed infatti io ed il mio compagno d’avventura, il poeta Joseph Purple ( lo trovate qui ) ci siamo fatti ” pelare” 28 euro per due sputi di una sottomarca svedese.
Infami !
Però gli svedesi non sono ladri; pensate che il 96% delle loro transazioni economiche vengono effettuate con la carta di credito.
La loro evasione fiscale é vicina allo zero ed i loro governi restano in piedi perché ai loro premier un mojito pagato a centilitri verrebbe fuori un capitale.


Comunque io e Joseph abbiamo pagato tutto con carta; in verità non ho visto una banconota in quattro giorni di viaggio. Non so proprio come siano fatte le corone svedesi.
Ecco, fammi fare una ricerchina…..Sono fatte così:


In metropolitana per andare al cesso ho pagato 1€ sempre con la carta ed é stata la pisciata più onesta della mia vita.

OK, la gara di biglie é finita, la spiaggia si sta svuotando e tra poco partirà l’aperitivo.
A seguire avremo la gara di rutti.

Bob Viniskia

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: