Quella gran figata di PornHub (e nessun doppio senso)

Pornhub and lockdown

Sì, Pornhub è una figata. E non è un gioco di parole. E’ proprio una cosa fantastica. Non solo per l’ottimo servizio che rende a milioni di single e non nel mondo. Anche per il suo fantastico risvolto pratico che abbiamo trattato qualche articolo fa. Oggi invece una ricerca ha rivelato nuovi dati. E che dati, ragazzi! Talmente belli che ti viene voglia di abbracciare i membri (gioco di parole non voluto, sia chiaro) dello staff uno per uno.

Alcune modelle di PornHub

Durante la quarantena di marzo Pornhub decise di diventare gratuito e mettere a disposizione di tutti anche i video che solitamente sono a pagamento. Un’esclusiva rivolta agli utenti italiani che in quel momento sono stati i primi ad affrontare la dura (anche qui il gioco di parole non è voluto, giuro) prova del lockdown. Ma non solo quello. Perché all’interno di questa notizia che strappa un sorriso ai più ci si dimentica spesso di dire che il sito ha anche donato una percentuale dei proventi di marzo per sostenere il reparto terapia intensiva del San Raffaele di Milano. Beh, noi ce lo ricordiamo.

Statische ufficiali di PornHub del 2019: i termini più ricercati

E a quanto pare l’iniziativa è andata bene. A differenza dei banchi con le rotelle, ha avuto un senso. Parliamo di 8 milioni di persone a cui Pornhub ha chiesto di rispondere a un sondaggio. Beh, questi sono i numeri, e parlano chiaro. In quanto al sentire il bisogno di un* compagn* (al di là del sesso o meno), l’81% ha sentito la mancanza di “momenti ricreativi”, il 52% la mancanza di “momenti di tenerezza”, il 37% la mancanza di “rapporti sessuali”.

(ph. fonte wp.com)

Poi c’è la parte più succosa. Partiamo dal fatto che Pornhub ha avuto un incremento del 30% di visite, di cui l’8% da parte di coppie. Perché oggi come oggi il sesso non è solo qualcosa che riguarda single e solitari (ancora, gioco di parole non voluto). La liberazione sessuale porta le coppie a vivere il loro rapporto erotico in maniera più aperta e allo stesso tempo intima. Al punto tale che il 47% di queste coppe continuerà a esplorare i generi che hanno scoperto nella loro navigazione. E proposito di generi, io riesco ancora a sorprendermi per la quantità sterminata di fantasie sessuali che esistono nel mondo. Il 10% degli intervistati è con me, difatti sono le persone che durante la quarantena hanno scoperto per la prima volta pratiche sessuali di cui non sospettavano minimamente l’esistenza. C’è sempre da imparare, gente.

Un buon 17% ha infine risposto in maniera netta che Pornhub li ha aiutati a superare il lockdown. Dove non arriva la didattica a distanza, arriva il sesso. Sì, dai. Alla fine il nostro è un mondo bellissimo.

Infine c’è il capolavoro assoluto. Standing ovation per questa iniziativa geniale. Pornhub ha lanciato un sito gemello che si chiama ScruHub (cliccate QUI). Un sito dove si caricano solo video di mani che si lavano, a oggi il rimedio più efficace per contrastare il contagio. Ed esattamente come il sito porno, è diviso in categorie. Dai classici etero, gay, lesbo, trans, orge, sadomaso fino a quelle più particolari per feticisti dei piedi, fisting, handjob, interracial, bukkake, daddy, casting couch e tanti altri. Tutti solo ed esclusivamente video di mani che si lavano. Un fantastico gioco dove la fantasia – in particolare quella sessuale – va al potere e insegna al mondo come si campa. Letteralmente.

Danilo D’Acunto

® Riproduzione riservata

Leave a reply