Paura e delirio a Torino ai tempi del Coronavirus: riceviamo e pubblichiamo

0

Riceviamo e pubblichiamo un video di uno dei tanti fatti che in questo periodo sicuramente non semplice avvengono a cadenza quotidiana in tutte le città d’Italia. Complice la voglia di tornare ad avere una parvenza di normalità, mista alla più becera ignoranza e stupidità nell’inosservanza delle restrizioni in vigore sul territorio nazionale per cercare di contenere il contagio da Coronavirus, molte persone vengono denunciate per aver trasgredito le stringenti norme anti Covid-19. Più nel dettaglio, ciò che abbiamo ricevuto è un ulteriore documento di un fatto avvenuto ieri a Torino, dove un quarantenne di Cuneo è partito da Alba alla volta del capoluogo piemontese. Fermato da alcuni poliziotti intenti ad effettuare un posto di blocco in Barriera di Milano, in Lungo Stura Lazio, l’uomo ha dichiarato di essersi recato a Torino per incontrare e consumare un rapporto sessuale con la sua amante. Gli agenti hanno quindi provveduto a comminare al trasgressore una sanzione per l’importo di cinquecento trentatré euro.

Durante il periodo delle festività pasquali anche a Torino sono stati intensificati i controlli atti a prevenire il contagio da Coronavirus

Questa notizia, riportata anche da diversi giornali locali, si arricchisce di ulteriori dettagli grazie al video che pubblichiamo, opportunanente sfocato per proteggere i dati sensibili del fermato. Non condividiamo né tantomeno giustifichiamo il comportamento dell’uomo, responsabile di una trasgressione che poteva essere evitata usando un briciolo di buon senso in più. Quello che ci lascia interdetti è il vedere le persone che dovrebbero vigilare sul rispetto delle leggi, specialmente in un periodo così difficile e delicato come quello che stiamo vivendo, ironizzare sull’episodio per avere materiale da condividere sui social. Attenzione quindi: Hodie mihi, cras tibi.

Hank Cignatta

® Riproduzione riservata

Share.

About Author

Giornalista pubblicista, fondatore e direttore responsabile di Bad Literature Inc.

Leave A Reply

Shares