Seguiteci sul nostro canale Telegram!

Bad Literature Inc.

E' vero. E' giornalismo. E' Gonzo, bellezza.

I biopic musicali, la nuova noiosa mania di Hollywood

Dopo il successo planetario di Bohemian Rhapsody, il film che ripercorre i primi quindici anni dei Queen e del suo cantante e leader Freddie Mercury, il filone dei biopic musicali è tornato di prepotente attualità ad Hollywood. Per carità, sono stati realizzati negli anni passati dei film che hanno raccontato (con alterne fortune) le storie artistiche ed umane di cantanti e rockstar, ma dopo lo sdoganamento ricevuto dal film sulla rock band britannica ha convinto molti studios sul fatto che raccontare la storia di questa o quell’altro artista per mezzo di un film sia cosa buona e giusta.

L’attore americano Rami Malek nei panni di Freddie Mercury. La sua interpretazione (così come per l’intero film) ha diviso la critica tra chi reputa impeccabile e chi un maldestro scimmiottamento

A cavalcare l’entusiastica onda del successo di questo filone di recente riesumazione ci hanno pensato anche i Motley Crue, i quali hanno affidato al film The Dirt il compito di narrare la loro storia alle nuove generazioni. Un progetto piacevolmente riuscito, grazie alla regia di Jeff Tremaine (Jackass) e la scenggiatura di Tom Kapinos (Californication e Lucifer).

Per quanto i gusti siano personali e, in quanto tali, materia di condivisione o meno la situazione sta letteralmente sfuggendo di mano. La musica (e in maniera più dettagliata il rock) è diventata materia da “studiare” nelle sale cinematografiche anziché essere vissuta in prima persona andando ai concerti o ascoltando i dischi. Questo perché, tra una continua crisi creativa dell’Industria dei Sogni e di un panorama musicale in continuo cambiamento ma che non ha realmente nulla da offrire, si tende a mitizzare il passato processandolo attraverso la cosiddetta prova della cellulosa. Se è stato qualcosa di famoso, in grado di incidere una tacca permanente nella storia della musica, allora deve essere raccontato in un film. Se questo avrà successo o meno non è importante, ormai la bolla è esplosa. E sono davvero volatili per diabetici per tutti.

Hank Cignatta

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: