Browsing: Sick Sad World

Una rubrica cinica per persone ciniche. A cura di Miss Cianuro

Sick Sad World
0

Dov’è finita Miss Cianuro?

E’ quasi l’ora di cena. Impensabilmente, dopo settimane di latitanza, sono finalmente riuscita a sedermi davanti a questo benedetto computer. Sono distratta, il mio cellulare continua ad illuminarsi in preda a notifiche totalmente inutili di qualsivoglia social. Dovrei disattivarle: ma ho davvero voglia di farlo?

Sick Sad World
0

Punk’s not dead!

Ricordo come fosse ieri il momento in cui il punk entrò nella mia vita. Era il 1998, avevo tredici anni e frequentavo l’ultimo anno delle scuole medie in uno di quei tipici paesi dove non succede mai niente. I miei coetanei si gasavano ascoltando alla radio con il volume a stecca la dance anni 90. Se non c’era qualche gruppetto di ragazzi che si muoveva in macchina in maniera disarticolata questo genere musicale che stava spopolando lo si poteva sentire ogni volta che in paese arrivavano le giostre.

Sick Sad World
0

Caro universo, vaffanculo.

Ho mal di testa, uno di quei fastidiosissimi mal di testa provocati dal troppo tempo passato a guardare stronzate su Youtube. Per peggiorare la situazione decido di mettermi a scrivere. In fondo potrebbe andare peggio: potrebbe piovere.

Sick Sad World
0

La disarmante attualità di Daria, la soluzione migliore contro l’abrutimento del conformismo dilagante

Avete presente quelle mattine in cui vi svegliate male? Quelle in cui non vorreste togliervi il pigiama neanche per tutto l’oro del mondo e in cui la sola idea di rivolgere la parola a qualcuno vi fa venire voglia di tornare sotto le coperte a costo di soffocare? Oggi è stata esattamente una di quelle. Sono quasi le sei del pomeriggio e non ho nessuna intenzione di vestirmi.

Sick Sad World
0

La sindrome di Mark Renton

Scadenze. Appuntamenti. Persone da vedere e sorrisi plastici tatuati sul mio volto che proprio non è abituato a quella strana espressione che si chiama sorriso.Mentre sono intenta ad iniziare la colazione dei campioni senza un preciso motivo apparente nella mia testa rimbomba come un eco il monologo finale che Mark Renton recita nel finale della versione cinematografica di Trainspotting.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: